09 feb

Agricoltura Responsabile e acquisti consapevoli.

Alois-Lageder-facedi Alois Lageder

È molto importante che i consumatori abbiano una chiara percezione del valore dei prodotti che acquistano.

Le aziende biodinamiche Demeter rispettano la natura con coerenza: sul piano pratico ciò significa che sono banditi del tutto fitofarmaci chimici di sintesi, erbicidi, fungicidi, insetticidi e concimi minerali. I frutti delle nostre terre crescono nel pieno rispetto dei cicli naturali con l’aggiunta esclusiva di preparati e infusi omeopatici. Nei nostri campi la biodiversità non è solo tutelata ma anche incrementata grazie ad essenze erbose e floreali, arbusti e piante oltre ai concimi a base di compost animale, che contribuiscono a creare un humus naturale che migliora la qualità del terreno e la fertilità delle piante. I criteri stabiliti dall’Associazione Demeter Italia riguardano tutte le fasi produttive, inclusa la trasformazione. Questo dà la garanzia che i cibi biodinamici che arrivano sulle tavole dei consumatori sono sani e rispettosi dell’ambiente.

Il marchio Demeter non è ancora conosciuto dal grande pubblico come sarebbe opportuno e la strada sembra irta di ostacoli a causa degli attacchi che ciclicamente il mondo biodinamico subisce da portatori di interessi economici del mondo agroindustriale. Nonostante questo l’Associazione Demeter Italia continua ad avere molteplici richieste da parte dei produttori che vogliono entrare nel sistema e raggiungere il riconoscimento Demeter. Pertanto stiamo lavorando con molto impegno per formare e aggiornare gli agricoltori Demeter e i tecnici che li visitano. Tale processo di formazione è stato demandato da Demeter Italia all’Associazione per l’agricoltura biodinamica attraverso un preciso accordo firmato dalle parti ormai un anno fa, nel gennaio 2017, poiché si ritiene che alcune azioni di tipo “culturale” siano compito specifico dell’Associazione biodinamica. I corsi sono effettuati in tutto il territorio nazionale ed hanno l’obiettivo di preparare i futuri auditor che, nell’iter di tutoraggio formativo aiuteranno le nuove imprese ad ottenere il riconoscimento Demeter. Gli auditor vengono selezionati tra agricoltori, consulenti e soci esperti in biodinamica; il loro compito sarà quello di andare a visitare le aziende e tale visita non avrà un carattere ispettivo ma sarà esclusivamente una occasione di confronto e di conoscenza di quelle che sono le specificità dell’azienda stessa, per capire se l’azienda ha già una conoscenza nel campo dell’agricoltura biodinamica oppure se deve iniziare tale percorso dall’inizio. L’auditor redigerà quindi una relazione in cui metterà in evidenza i punti di forza e di debolezza dell’azienda in base alla quale una commissione composta da 2 membri, 1 di nomina dell’Associazione biodinamica e 1 di nomina della Demeter Italia, predisporrà un piano di formazione che sarà inviato all’azienda agricola. Questa per realizzare quanto previsto dal piano formativo avrà piena libertà nella scelta di quelle che sono le forme più consone alle sue possibilità. L’anno successivo l’azienda verrà di nuovo visitata dallo stesso auditor che dovrà accertare se l’azienda ha raggiunto gli obiettivi indicati nel suo “piano formativo”; se l’esito della visita sarà positivo l’azienda potrà , da subito,  essere sottoposta a visita ispettiva per poter utilizzare il marchio Demeter.

Mi sono forse dilungato un po’ per illustrare la procedura ma ci tenevo a spiegare il nostro impegno per far in modo che gli agricoltori biodinamici siano in grado di produrre in maniera corretta creando un ciclo completo di interazione fra il suolo, le piante e gli altri elementi della natura. Come agricoltori biodinamici il nostro obiettivo è quello di conservare e difendere questo ecosistema complesso; mi auguro che sempre più persone comprendano il valore del nostro operato e scelgano consapevolmente e responsabilmente i nostri prodotti.